Skip to main content

“Lo staff del progetto Mete è composto da specialisti di molti settori fondamentali per un processo di inserimento riuscito: educatori, psicologi, e via dicendo. Ma non ci si ferma qui, dato che l’obiettivo del progetto è trovare concretamente un lavoro, una casa, un posto nella vita attiva della città di Roma Capitale e in Italia. Viene quindi firmato un Patto scritto tra la persona e il progetto, che valorizzi entrambe le parti. Le persone possono candidarsi a sportello o passare tramite reti sociali già costituite (Reti di Accoglienza, Assistenza Sociale)”.

Ce lo racconta Barbara Guidi, socia della Cooperativa La Nuova Arca – capofila dell’ATS del progetto Mete, che include varie realtà della Società Civile e che mira a facilitare concretamente l’inserimento delle persone di nazionalità non UE, stabilmente residenti nel territorio di Roma Capitale. Barbara Guidi coordina la LINEA1 del progetto, e quindi segue direttamente le procedure che portano verso la formazione professionale, quella trasversale e il placement al lavoro.

Di recente Barbara ha incontrato una donna Ucraina, candidata al progetto. Parla del dolore che si sente nei racconti di questa donna, che viene dalla situazione di violenza e di guerra. Le donne ucraine nel progetto Mete sono molte. Una donna ingegnere, lei, che avrebbe voluto valorizzare le sue competenze: difficile, per equivalenze di diplomi, e per problemi di lingua: una soluzione è stata trovata quindi nell’oreficeria. Al centro di Roma. Un lavoro di precisione e di dettaglio, ma un passaggio forte, perché la donna come molte sue concittadine viveva in un relativo agio nel suo Paese e aveva una competenza professionale molto ben delineata. Si tratta di ricominciare e lei lo ha fatto, con forza e determinazione: poche donne che vediamo si lasciano andare, dice Barbara.

Barbara ci saluta perché inizia un altro momento della sua giornata: una persona ha bisogno di sostegno per fare attivare la sua tessera ATAC, e sarà accompagnata proprio da lei.

Vita vera e tra le persone.

Per maggiori informazioni: www.lanuovaarca.org, www.meteinclusioneurbana.it

Condividi

Leave a Reply

Translate »